Don Mimmo minacciato dai Nuvoletta!

01.04.2021

L'Arcivescovo di Napoli, don Mimmo, è stato minacciato da alcuni esponenti del Clan Nuvoletta a seguito della sua decisione di far rimuovere alcuni quadri da una chiesa di Marano.

Una decisione forte quella dell'Arcivescovo, e chi lo conosce non fatica a capirne le ragioni, che di fatto si è trovato contro uno dei Clan più potenti del napoletano.

Sulla vicenda della chiesa Maria Santissima della Cintura e della Consolazione a Marano dove sono stati trovati due quadri donati da decenni dal boss Lorenzo Nuvoletta morto nel '94 è intervenuto don Mimmo che ha fatto rimuovere le tele e le targhe ricevendo però da parenti e sodali diverse ingiurie e minacce sui social, come racconta il Mattino riportando quello che scrive Maria Orlando, con vincoli di parentela con la famiglia Polverino: "Ho scoperto che i vescovi sono i pubblici ministeri di Dio. Non lo sapevo, pensavo che Dio fosse un giudice indiscusso, equo e misericordioso. Si dovrebbero vergognare: anche il pregiudizio è peccato". O quello che commenta sempre sui social Maria Nuvoletta nipote del defunto boss di Marano: "Non hanno un cavolo a cui pensare, dopo 20-30 anni decidono di rimuovere i quadri. Che vergogna un atto vergognoso compiuto da un uomo di Chiesa". Ancora Maria Fontanella moglie di Ciro Nuvoletta il fratello di Lorenzo ucciso in un agguato nel 1984 dal clan dei Casalesi che scrive: "caro vescovo anziché rimuovere i quadri sacri fai una bella pulizia nelle tue chiese, cacciando via tutti i pedofili".

Il Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli, ha espresso parole di vicinanza all'Arcivescovo: "Proviamo tanta ammirazione per Monsignor Battaglia, a cui va la nostra solidarietà, che è intervenuto lì dove i suoi predecessori sono rimasti silenti. È un segnale importante quello di ripristinare i concetti di legalità e giustizia che troppo spesso appaiono fin troppo sfocati sul nostro territorio. Come con i murale e gli altarini disseminati dai criminali e dai camorristi lungo le strade delle nostre città anche la chiesa sta cominciando a ripulire dalle proprie strutture quei simboli di potere e prevaricazione che le famiglie dei boss hanno messo in campo anche talvolta con il sostegno del clero talvolta. I familiari e i parenti dei boss invece di vergognarsi per le loro vicende criminali ingiuriano e velatamente minacciano l'Arcivescovo a cui va tutta la nostra solidarietà. Questi soggetti che si sentono onnipotenti e pensano di poter essere giudicati solo da Dio vanno isolati e spazzati via dalla nostra terra con tutti gli strumenti possibili. Serve la tolleranza zero anche contro la "cultura" camorrista".

In realtà, c'era da aspettarselo. Chi ha conosciuto anche solo un poco don Mimmo non fatica a capire. Don Mimmo è un uomo, un prete che ha fatto di tutta la sua vita una 'lotta' per la giustizia, per la legalità. È testimone autentico del Vangelo, un innamorato di Cristo e dunque è naturale che abbia preso certe decisioni. Don Mimmo è volto bello della Chiesa di Gesù, quella che non si piega ai potenti, che non presta il fianco all'ingiustizia, quella che non sa e non può tacere. Gli è stato chiesto di "gridarlo dai tetti"... ha detto sì, e lo farà!

A chi è rimasto 'scandalizzato' perché pensava che 'Dio è equo e misericordioso' semplicemente ricordiamo che non c'è misericordia senza giustizia, che la carità eccede la verità ma non è mai senza! E nessuno meglio di don Mimmo lo sa.

Dalla nostra Redazione tutto il nostro affetto al caro amico e padre don Mimmo.


©Produzione riservata

Unisciti al nostro canale Telegram, resta in contatto con noi, clicca qui