La politica, tra le opere morali

18.03.2021

di Egidio Cappello

Nel discorso programmatico, rivolto pochi giorni or sono al Senato della Repubblica, il Presidente del Consiglio dei Ministri prof. Mario Draghi, ha fissato con chiarezza i principi su cui fondare i percorsi politici da realizzare. I principi sono esclusivamente di natura etica. I tasselli del programma si reggono su una precisa visione del mondo, includente la società, la persona, la storia dell'umanità, le stesse risorse della ragione umana

E' palese che il prof. Draghi pensi alla grande, desideri e guardi alla grande, e abbia la consapevolezza del possesso di quanto necessario perché ciò sia possibile. Egli ricorda che il popolo italiano è erede di una storia di alto livello culturale e spirituale e sottolinea quanto sia nociva la considerazione negativa che oggi il popolo italiano ha di se stesso. Egli chiama alla partecipazione, alla condivisione, all'unità, all'amore per la patria, all'uso pieno della ragione, chiama gli Italiani al recupero del primato culturale e politico che fu proprio per molti secoli, chiama al dialogo fattivo e alla solidarietà, per vincere le trame della pandemia e costruire un futuro migliore da lasciare alle giovani generazioni. 

Notevole la concezione della ragione umana come strumento di comprensione della vita, di lettura delle leggi della vita, strumento idoneo a cogliere le profondità dell'animo umano oltre ogni aspetto economico e sociale e ad immergersi nella dimensione della trascendenza ove figura un Dio che ha creato la bellezza della natura e ne ha affidata la conservazione all'uomo. L'adesione alla dottrina cristiana è palese; elementi fondanti ne sono il valore delle persone, con le loro risorse intellettive e spirituali, con le loro limitazioni e le loro attese; il valore della politica come attività responsabile volta alla costruzione progressiva di un futuro di benessere per tutti; il valore delle riforme da inquadrare in una prospettiva di cambiamento verso il progresso e il bene; il valore dell'educazione delle giovani generazioni, fulcro della vita di uno Stato e motore per guardare a grandi opere in ogni campo del vivere civile; il valore della cultura autentica che unisce e non azzera la diversità delle idee; il valore della unità, della pace, della concordia per rispondere alle necessità del tempo e per guardare con la stessa attenzione al futuro. 

Lo spazio e il tempo sono le coordinate mentali entro le quali muoversi, intendendo con lo spazio la lettura puntuale delle necessità dei territori e delle comunità, nonché l'analisi delle ferite in atto e la ricerca più o meno immediata delle soluzioni da dare alle stesse. Ma l'azione della ragione deve andare oltre, deve superare il cerchio che delimita il presente, deve prevedere ed agire prima, con riforme atte a guidare e non a subire il corso della storia.

Prevedere è operazione politica, operazione di menti lucide che guardano la storia, che riflettono, senza lasciarsi guidare da numeri e senza rinviare ad altri o ad altro tempo. Prevedere è costruire gli argini prima che il fiume straripi e distrugga ogni cosa, è pulire una piccola ferita prima che scivoli verso la cancrena. Prevedere è azione di umanità, effettuata senza l'assillo delle emergenze e delle drammaticità che accompagnano l'insorgenza di eventi negativi. 

Notevole il ritorno ad un concetto, da parte del prof. Draghi, al termine del suo discorso, perché non sia dimenticato: la politica nasce dall'amore per la patria e non da disegni di parte, non da percorsi di casacca, non da partigianerie o itinerari di potere. E l'amore per la patria non è uno spezzone del concetto laico di amore ma è la quotidianità della persona immagine di Dio, della persona che ha intelligenza e ha fede nella propria creatività e nelle proprie capacità intellettive, della persona che conosce le proprie origini e la propria destinazione. L'amore a cui fa riferimento il prof. Draghi ha, senza alcun dubbio, la propria collocazione negli eventi dell'ultima cena quando Gesù si prostrò a curare le infermità dei suoi fratelli e a preparare per tutti un futuro dalle grandi meraviglie.

©Produzione riservata

Unisciti al nostro canale Telegram, resta in contatto con noi, clicca qui