Mezza Italia in zona rossa o arancione, 8 regioni cambiano colore da lunedì

05.03.2021

Quattro regioni a rischio zona rossa da lunedì, ma la Lombardia anticipa Speranza ed entra in zona arancione scuro da oggi. Altre 4 (tra cui il Lazio) potrebbero diventare arancioni. Situazione in peggioramento ovunque, al vaglio ipotesi coprifuoco anticipato e Pasqua blindata.

Il Dpcm che entrerà in vigore da sabato 6 marzo potrebbe non bastare per contenere l'epidemia in Italia. Spaventa l'avanzata delle varianti, e l'ultimo bollettino segnala una situazione in peggioramento un po' in tutto il Paese. Il trend, fa sapere Speranza, va purtroppo in quella direzione. "I numeri peggioreranno ancora", dice il ministro.
La previsione è che da lunedì l'Italia sarà sempre meno gialla e sempre di più arancione e rossa. Il governo, riportano il Corriere e il Messaggero, starebbe valutando l'ipotesi di introdurre misure più restrittive, come un lockdown a Pasqua, coprifuoco anticipato alle 20 e maggiori limiti agli spostamenti delle persone.

Intanto oggi si attendono il nuovo report Iss e la riunione della Cabina di regia di venerdì su cui si baseranno le ordinanze del ministro della Salute con i nuovi colori delle regioni a partire da lunedì 8 marzo. A rischio cambio colore almeno 8 regioni, tra cui il Lazio in bilico tra fascia gialla e arancione. Ecco cosa aspettarci. 

Le regioni che cambiano colore dall'8 marzo. 

A rischio zona rossa da lunedì 8 marzo Emilia-Romagna (con Bologna e Modena in lockdown da oggi), Campania e Abruzzo, che potrebbero unirsi a Basilicata e Molise.

Anche il Piemonte è sull'orlo della zona rossa: nella Regione governata da Cirio aumentano sempre di più le zone rosse e arancione rafforzato locali. Le scuole superiori e le classi seconda e terza media sono tornate in DAD.

Si parla di zona rossa anche per la Lombardia, dove è salito il rapporto tamponi-positivi e diventato più allarmante il dato su ricoveri e terapie intensive. Anticipando un'eventuale mossa del Ministero della Salute, il governatore Fontana ha emesso un'ordinanza che inasprisce le misure su tutto il territorio regionale. Dal 5 al 14 marzo in Lombardia scatta la zona arancione rafforzato, con sospensione della didattica in presenza per scuole e università e maggiori limiti agli spostamenti.