"Se decretate, le nuove misure scatteranno da domenica"

26.02.2021

Non accenna a placarsi l'onda d'urto con cui il Covid sta flagellando il Molise, con la variante inglese che impazza in tutto il Basso Molise e l'incubo che possa presto invadere tutto il territorio regionale che nel frattempo è afflitto da un implacabile mancanza di posti letto negli ospedali. Come annunciato ieri, dopo l'unità di crisi il Presidente Toma si è rivolto al Ministero chiedendo l'estensione della zona rossa a tutta la Regione. Non è solo il Basso Molise, infatti, in grande difficoltà, ma un po' ovunque in regione si sta registrando l'aumento dei contagi. 

"Se decretata - ha annunciato Toma - le nuove misure scatteranno da domenica".

Intanto, per sopperire alla mancanza di medici, che insieme alla scarsità dei posti letto sono il vero problema di questo momento, sono in arrivo dal Venezuela 23 Medici, che saranno a diretta dipendenza della ASREM, con un incarico di 30 giorni eventualmente prorogabili, a seconda dell'andamento dei contagi.

Cosa vuol dire in buona sostanza?

Vuol dire che siamo ad un passo da una serrata generale, una linea dura che i sindaci hanno ritenuto necessaria per fronteggiare questo momento di gravissima difficoltà. Una chiusura generale per almeno due settimane: scuole di ogni ordine e grado, parchi, pubblici, mercati.

Un film già visto nello scorso Marzo e con numeri decisamente diversi. 

Ora la palla è al Governo centrale che dovrà decidere sulla se confermare o meno la richiesta del Governatore Toma. Seguiremo gli sviluppi.