@pensierisciolti.com

Pubblicazioni

I miei contributi alla teologia e alla narrativa...

Fino al XVII secolo la dottrina di Ruusbroec, sconosciuto ai più, ha goduto grande fama e profonda ammirazione nei Paesi Bassi e ovunque erano letti i suoi scritti nella traduzione latina di Surio. Conformemente agli orientamenti del suo secolo, il brabantino si è richiamato all'esercizio della ragione per approfondire la sua dottrina per mezzo di una elaborazione intellettuale, ma il discorso su Dio, la sua teologia è un discorso sull'essere e sull'essenza di Dio che non si separa mai da una visione esperienziale. A fondamento antropologico del vissuto mistico ha ritenuto necessario porre la Parola di Dio che viene integrata dal vissuto alla luce della fede illuminata dai tocchi divini, e soprattutto ribadisce l'importanza dell'amore per un autentico incontro con Dio. Per questo la sua dottrina rivela un'immensa ricchezza che, al nostro tempo, non è stata ancora scoperta.

Edito da www.pensierisciolti.com... Disponibile dal 15 gennaio 2021 sulla piattaforma Amazon... Uno sguardo alla mistica del Nord e a colui che ne fu il massimo esponente Jan Van Ruusbroec...Un modo per guardare ad un cristianesimo "altro" certamente da riscoprire. BUONA LETTURA....

"Per un'altra strada"...  disponibile dal 3 settembre 2020. Uno sguardo sulla Chiesa e su coloro che ne sono il futuro: i giovani. Quante circostanze oggi e quante immagini ci portano a scontrarci oggi con l'attualità della Chiesa e con le innumerevoli tentazioni - per dirla con De Lubach - che caratterizzano la nostra comprensione, o forse meglio le nostre precomprensioni, della Chiesa. Una Chiesa nata in ginocchio, nel Cristo che lava i piedi ai suoi, a chi di lì a poco lo rinnegherà, a chi di lì a poco lo avrà venduto, ma che oggi fatica così tanto ad inginocchiarsi. Una Chiesa chiamata a fare i conti con le nuove generazioni, ormai lontane, che non chiedono di pensare il futuro, ma di mettervi seriamente mano. E vogliono esserne protagonisti. Lo trovi su Amazon... Clicca qui https://www.amazon.it/dp/B08HBLYHSH/ref=cm_sw_r_wa_apa_i_zTluFbEVMW35Y

Nessuno che abbia fatto esperienza appassionata dell'amare - creativa o sofferta - può ritenere di esserne così esperto da poter indagare e scrivere sull'amore con la pretesa di "dire tutto"; più ha amato, più si è lasciato amare. È però vero che pur non potendo abbracciare la Bellezza, ne percepiamo il fascino dai suoi tanti riflessi. L'autore, in questo scritto, non intende consegnarci tutta la verità sull'amore, ma ne traccia dei ritratti, come un buon pittore s'accingerebbe a tradurre col suo colore la profondità di uno sguardo, l'armonia d'un sorriso, la dolcezza d'un abbraccio. L'autore intinge il suo pennello - con delicatezza ma con grande fermezza - nelle tinte forti dei grandi della mistica e della Patristica, diluendoli nell'acqua limpida d'un discorrere piacevole, così da consegnare tanti piccoli quadri, una galleria d'acquerelli che - come in una luminosa filigrana - ci permettono d'intravvedere al di là della pagina la grandezza d'un sentimento, la realtà di chi l'amore lo traduce dalle parole delle letterature in gesti concreti di vita, sbriciolandolo in una quotidianità che ha il sapore delle cose d'ogni giorno.

Disponibile presso l'Editore.

Il tema, delicato e complesso, che l'autore accosta con la competenza e lo spirito d'indagine che gli sono proprie, è particolarmente apprezzabile perché non si sofferma a concepire e consegnare riflessioni date da ragionamenti scontati e semplicemente di devozione; e nemmeno di sola spiritualità, che pur basterebbe. Vi è tutta una dinamica di studio e di ricerca, di lettura oculata ed attenta delle fonti; ed una presentazione intelligente, arricchita di senso critico, della storia e della geografia sociale del tempo storico. Si legge-e si respira-un profondo rispetto per il vissuto della Chiesa del XIII secolo, per le persone di Chiara di Assisi, di Bonaventura, ma anche di Francesco stesso, delle gerarchie, dei loro più prossimi collaboratori, di un popolo intero che esercita una Fede iscritta in un quotidiano del quale, per essere rispettosi, ed autentici, si deve tener conto.

Disponibile presso l'Autore. Lo trovi anche su Ebay.

"Vite che tremano" è un'antologia di scritti a tema il terremoto, di terra e di vita, che accoglie al suo interno autori di diverse provenienze geografiche. A cura di Ida Di Ianni e Matilde Iaccarino, docenti e scrittrici, postfazione di Angelo Petrella, testi di Salvatore Azzolini, Emilia Bersabea Cirillo, Cinzia Caputo, Aldo Cervo, Filippo De Angelis, Ida Di Ianni, Lino Di Stefano, Albino Fattore, Marilena Ferrante, Aldo Ferraris, Claudio Finelli, Stefania Giordano, Matilde Iaccarino, Amerigo Iannacone, Luca Marano, Valeria Migliore, Marco Perillo, Melania Petriello, Giovanni Petta, Silvana Poccioni, Maria Assunta Prezioso, Fernanda Pugliese, Paolo Scarabeo, Angela Schiavone, Antonio Sorbo, Francesco Paolo Tanzj. Un evento sismico, distruttivo di affetti e cose, o un terremoto che scuote animo e coscienza, ragioni plurime per dirsi e per dirci che vivere può significare anche doversi sopravvivere. In una nuova condizione, in un altro luogo, in un diverso abito, certo.

Disponibile in libreria e presso l'Editore.